Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network.
Cliccando su Accetto, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento si acconsente all'uso dei cookie. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Ulteriori informazioni.

 

Sei giorni speciali per "liberare" la lettura nelle scuole. Sono stati quelli di Libriamoci, la campagna del Centro per il libro e la lettura, nata da un Protocollo d’Intesa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero per i beni e le attività culturali. Rivolta a tutte le scuole italiane, di ogni ordine e grado, si è sviluppata negli ultimi giorni di ottobre con l'organizzazione di letture ad alta voce e attività ad esse correlate. Non è stata una gara e nemmeno un'attività legata a fini valutativi: l'obiettivo è stato  quello di diffondere il piacere della lettura tra i bambini e i ragazzi e di sottolinearne l'utilità per la crescita sociale e personale, sia grazie all'esperienza diretta con i testi, che attraverso l'ascolto e il confronto con insegnanti e compagni.

La nostra scuola ha partecipato all'iniziativa attraverso la lettura  dei passi più celebri de "I promessi sposi", soffermandoci in modo particolare sul personaggio di  Don Abbondio, pusillanime, schiavo delle convenzioni del suo tempo,  punto di partenza per una riflessione  intorno alla paura, alla prepotenza e alla prevaricazione. Don Abbondio è espressione, inoltre, di una cultura chiusa in se stessa, sterile e incartapecorita, che spinge poi , per antitesi, lo sguardo verso la natura di quella cultura vera e aperta che  approda alla più alta forma di verità e libertà. La lettura  si è conclusa con un breve sketch incentrato sul famoso incontro tra il curato e i bravi. Divertente l'utilizzo di una colonna sonora tipicamente  "malavitosa", espressione di forte attualità dell'opera manzoniana.

Qui il link al sito di Libriamoci

  • IMG-20181027-WA0017
  • IMG-20181027-WA0018

Simple Image Gallery Extended